Giovedi 19 giugno, h1300, Aula C - il dott. Giantommaso Scarascia, laureato in Scienze Ambientali presso il DST, dottorando presso la King Abdullah University of Science and Technology (KAUST, Arabia Saudita), terrà il seminario: "Fare ricerca in Medio oriente -  Rispondere a problemi industriali con la ricerca per ridurre il peso sull'ambiente: la mia esperienza in Arabia Saudita alla KAUST".

Al termine del seminario, il dott. Scarascia illustrerà le opportunità di studio e ricerca in Arabia Saudita.

Un Paese in crescita non può prescindere dal supporto della ricerca scientifica. In Arabia Saudita due delle più importanti attività industriali sono, senza dubbio, quella petrolifera e quella legata alla desalinizzazione di acqua salata per la produzione di acqua potabile. Entrambe queste realtà si sono evolute nel tempo con l’obiettivo di abbattere i costi e ridurre il loro impatto sull’ambiente. Questa evoluzione necessita il supporto della ricerca scientifica per approdare a livelli tecnologici adeguati al mondo in cui viviamo.

Due importanti problematiche legate a queste due attività sono la corrosione, dovuta all’attività microbica, delle strutture in ambiente marino, quali torri di raffreddamento e tubature e la bioincrostazione (biofouling in inglese) delle membrane necessarie per desalinizzare acqua salata. La prima è la causa di numerosi disastri ambientali e di ingenti perdite economiche per le industrie petrolifere, mentre il biofouling è un fenomeno comune a tutti i sistemi in cui vengono utilizzate delle membrane per filtrare diversi tipi di acque. Infatti, I microorganismi presenti nell’acqua vengono depositati sulla membrana creando un biofilm che occlude i pori, con la conseguente necessità di aumentare la pressione transmembrana e di sostituire le membrane frequentemente.

Per ridurre l’impatto economico di questi fenomeni vengono utilizzati prodotti chimici (cloro o composti di ammonio quaternario) che sono spesso poco efficaci contro la complessa struttura del biofilm e sono nocivi per l’ambiente con cui vengono a contatto.

La mia ricerca ha l’obiettivo di analizzare metodi alternativi per risolvere queste problematiche, in modo da ridurre il dosaggio di biocidi, pur mantenendo un’adeguata efficacia contro questi microorganismi.

 

Main Belt Asteroids: A Melting Pot of Early Solar System Relicts

Simone Marchi

Southwest Research Institute, Boulder CO


The Main Belt between Mars' and Jupiter's orbit hosts a myriad of asteroids, whose most massive members are the 500-km Vesta and 970-km Ceres. A classical view held that the current asteroid belt represents a tiny fraction (~0.1%) of a once-much-more massive population of planetesimals formed in-situ. Due to their being separated "at birth", asteroids were thought to have escaped major evolutionary processes typical of larger planets. As a consequence, asteroids have been largely regarded as primordial relicts of the early Solar System, thus spawning interest in their space exploration. Reconnaissance of first Main Belt asteroids by the Galileo and NEAR missions seemed to support this view.

In recent years, other new ideas have emerged. The overall orbital architecture of the Solar System implies large-scale mobility of the giant planets. In some of the extreme scenarios, the primordial Main Belt is dismantled and reassembled by a migrating Jupiter within the first million of years of formation. Later dynamical instabilities would also add radial mobility resulting in vigorous mixing in the Main Belt region. In these modern views, the Main Belt acts as a melting pot, collecting objects scattered from the four corners of the Solar System: from the terrestrial planet region to the outer trans-neptunian disk.

The exploration of these relatively accessible small worlds, thus, provides us with an unparalleled means to study the broader issues of Solar System formation, such as the formation location and internal evolution of planetesimals. The Dawn mission at Vesta and Ceres has paved the way for these in-depth investigations, but also showed that the study of these fundamental issues is complicated by billions of years of collisional evolution.

The great challenge for future missions, such as Lucy and Psyche, lies in being able to tease out primordial and evolutionary processes in order to reach a deeper understanding of our Solar System formation.

 
Mercoledì, 31 Maggio 2017 06:28

• Seminari PGS

 

PGS will be visiting Pisa:

 I giorni 31 maggio e 1 giugno, la società di servizi Petroleum Geo-Services (www.pgs.com) sarà ospite del Dipartimento di Scienze della Terra. La società è leader a livello mondiale nel campo dell’esplorazione geofisica del sottosuolo in ambiente marino e acquisizioni 3D. Questo incontro rappresenta una opportunità importante di contatto tra il nostro dipartimento ed il mondo del lavoro

Il programma è diviso in due giornate e prevede:

- 31 maggio, ore 14:00 presso l'aula C: presentazione dell'azienda e delle principali attività che essa svolge;

- 1 giugno, ore 9:00 presso la sala riunioni (secondo piano, adiacente agli uffici dell'amministrazione): mock interviews (colloqui di lavoro simulati) con particolare interesse agli studenti della magistrale in geofisica applicata.

Venerdì ore 10,00 AULA C Dipartimento di Scienze della Terra si terra il seminario di Martin Landrø della Norwegian University of Science and Technology dal titolo:

New trends in marine seismic acquisition – possibilities and impact on data quality”

Summary

Conventional marine streamer seismic has changed dramatically in recent years. Today we measure multicomponent seismic data in the water column, the towing depth might vary between 5 and up to 60 m, and the noise characteristic has changed. On the source side, the changes are less obvious: Air gun is still the preferred source, and we have started to experiment by using multidepth sources and more environmentally friendly sources have been developed. The fight against the ghost associated with the free surface will continue. We have seen that the receiver side ghost can be attenuated by using variable streamer depths. Is it possible to do the same for the source ghost, or maybe there are other methods that are more effective? The use of simultaneous seismic sources will lead to cost reductions, and seismic apparition is a new way to achieve this that will be discussed.

In the talk, I will discuss why it is so challenging to generate very low frequencies in seismic acquisition. In principle, low frequencies correspond to movements of large bodies, and there is a limit for the size of an air gun bubble, as well as the size of a marine vibrator. A modern marine seismic streamer is made of solid material, and it is exposed to several types of noise: noise related to the motion of the cable in the water, noise related to weather conditions and sea state, and cultural noise in the water layer. Noise from rigs and ship traffic sets up normal modes in the water layer. The acoustic signal associated with the normal modes varies strongly with water depth, and hence it is very challenging to find an optimal towing depth for the streamer. Experimental data demonstrating the counteracting effects of weather noise, normal mode noise, and other noise types are used to illustrate this complexity.

The most common marine seismic source, the air gun array creates energy within the 5-100 Hz frequency band. Recent measurements show that air gun arrays also emit high frequency (1-100 kHz) acoustic signals. Dedicated field experiments show that the strength of these signals is weak, and that it is possible to reduce it even further by increasing the distance between the guns in the array. Hearing curves of fish and marine mammals vary significantly, and several marine animals have high sensitivity in the frequency range above 1 kHz. Another way to reduce the amount of high-frequency noise is to change the design of the air gun.

A key objective is to show significant improvements within seismic data acquisition and to discuss potential directions for further improvements, both related to efficiency and especially data quality. The talk will focus on data examples.

For audiences interested in an alternative or additional talk, I have prepared one on time-lapse seismic analysis of the Tohoku-Oki earthquake in 2011. This is an interesting example where knowledge from the hydrocarbon industry is transferred to seismology and used for detailed interpretation and mapping of movements in the upper earth’s crust caused by an earthquake.

Giovedì 18 Maggio alle ore 14,00 in AULA C si terrà il seminario del Prof. Walter Landini dal titolo:

 

"I titanosauri della Patagonia: l'ultimo rifugio dei giganti"

 

L’affascinante racconto di una eccezionale avventura scientifica in una terra ai confini del mondo. Da decenni coinvolto in tanti fronti scientifici e nell’impegno della salvaguardia e divulgazione del patrimonio paleontologico, il Prof. Walter Landini, ci presenta alcuni dei risultati degli ultimi suoi anni di ricerche.  

Riassunto

Anche se resti di dinosauri sono largamente diffusi in tutti i continenti, l'Argentina e la Patagonia, in particolare, per la continuità dei  ritrovamenti, che coprono l'intero arco di vita di questo gruppo,  dal Triassico superiore alla fine del Cretaceo, e lo stato di conservazione di molti  reperti. possono essere considerate “Terre dinosauriane” per eccellenza.

A partire dal 2006, in collaborazione con alcuni paleontologi associati al Museo di Storia Naturale  Bernardino Rivadavia di Buenos Aires, sono state avviate alcune campagne di esplorazione, con l'utilizzazione anche di droni (campagna 2012)  nella Provincia di Rio Negro (Patagonia), che hanno portato alla scoperta, nei sedimenti del Cretaceo superiore ( Fm. Anacleto e Fm.  Allen, del  Santoniano- Campaniano inferiore e Campaniano medio-Maastrictiano inferiore rispettivamente) affioranti in diverse località (General Roca, Allen, Chocon), di aree ad elevata concentrazione di ossa, di reperti isolati di dinosauri, di livelli ad orme (sia di teropoda che di sauropoda) e di foreste fossili.

Le attività di scavo, incentrate nei sedimenti del Campaniano inferiore della valle di El Cuy (General Roca, Rio Negro) hanno portato, oltre  al ritrovamento in superficie di alcuni resti appartenenti ad un cachorro di dinosauro (pulcino di  titanosauro),  alla scoperta di un ricco livello fossilifero, contenenti una elevata quantità di ossa appartenenti essenzialmente a titanosauri.

Le ossa generalmente in buona connessione anatomica sono state attribuite a individui di età diversa (giovani e adulti) appartenenti al  gen. Antracosaurus (= Laplatasaurus): una specie di titanosauro che da adulta poteva raggiungere i 25 m di lunghezza totale. Associate a questo titanosaur bone bed sono state rinvenute alcuni frammenti  ossei di abelisauridae (dinosauro teropode) attribuiti ad un gen et sp, ind.  (Gianechini et al. 2015).

Il buon stato di conservazione delle ossa, l'elevato grado di connessione anatomica di alcuni reperti, la contestuale presenza   di individui appartenenti a classi di età diversa, associati a resti pesci e di tartarughe  di acqua dolce hanno permesso di definire i principali lineamenti paleoambientali.

Queste scoperte contribuiscono in modo fondamentale alla comprensione della diffusione di queste specie e sulla loro successiva estinzione.

Lunedì, 10 Ottobre 2016 12:37

FORUM INTERNAZIONALE DEL MARE E DELLE COSTE

La terza edizione del Forum Internazionale del Mare e delle Coste, organizzato dal Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa e dal Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell’Università di Ferrara, in collaborazione col sindaco Umberto Buratti del Comune di Forte dei Marmi, avrà luogo all’UNA Hotel & Resort di Forte dei Marmi (LU) tra il 13 e il 15 ottobre 2016 e chiuderà il ciclo di tre eventi cominciato nel 2014, ma che in realtà prosegue una prima iniziativa congressuale avvenuta nel 2001 voluta dal prof Rosi e dall'allora sindaco di Forte dei Marmi. Anche quest'anno esperti internazionali provenienti da diverse realtà accademiche e non si riuniranno per portare il proprio contributo riguardante un tema di assoluta rilevanza quale la gestione delle coste.

Clicca su read more per maggiori informazioni

Domani, mercoledì 14 settembre 2016, alle ore 14,00 in Aula C, presso il Dipartimento di Scienze della Terra di Pisa (Via S. Maria, 53) Il Dott. Fernando Berro discuterà la sua Tesi di Dottorato dal titolo: In-situ monitoring station for silica scale formation.

Si tratta della discussione finale del XXVIII Ciclo di Dottorato, che appartiene al Dottorato Regionale di Scienze della Terra "Pegaso".

Siete tutti invitati a partecipare

Giovedì 29 settembre (h. 9.30 - 16.00) presso il Dipartimento di Scienze della Terra (Univ. di Pisa) si terrà un ciclo di seminari dal titolo “Himalaya, Karakorum e Tibet: approccio multidisciplinare allo studio di un orogene collisionale” ed organizzato dalla Prof. Chiara Montomoli e dal Dott. Salvatore Iaccarino, con il supporto e la collaborazione dell' Italian Group of Himalayan Geology - sezione della Società Geologica Italiana.

Si tratta di un ciclo di seminari brevi sulle tematiche principali della catena a partire dallo stato dell'arte e discussione sulle problematiche aperte e le prospettive future.

In particolare, data la multidisciplinarietà dell'evento, verrà illustrato come le varie discipline geologiche (e.g. stratigrafia, geologia strutturale o la petrologia) portano un diverso e prezioso contributo alla comprensione dei processi attivi durante la formazione delle catene collisionali e sul loro possibile impatto a scala globale.

L’iniziativa è rivolta a studenti, dottorandi e ricercatori, e per i dottorandi è prevista l'acquisizione di 1CFU.

 

Scarica la locandina e il programma dell'incontro cliccando su read more.

Le peculiarità geologiche dei siti minerari dell’Alta Versilia rendono queste località dei geositi conosciuti a livello mondiale e possono essere definite veri e propri laboratori naturali per gli studenti e gli studiosi di geologia. Al valore scientifico si aggiunge quello storico poiché i siti minerari offrono una storia di oltre 500 anni dell’attività estrattiva documentata sia da fonti storiche sia dagli scavi ancora visibili sul territorio, il tutto inserito in un contesto paesaggistico/ambientale unico.

Sebbene numerose azioni di valorizzazione siano state tentate nel corso degli anni e in alcuni siti siano stati eseguiti parziali lavori di fruizione turistica, la maggior parte di queste località sono ancora sconosciute alla popolazione. Da risorsa industriale del passato più o meno lontano, a realtà dimenticata del presente (e in taluni casi problema ambientale), il complesso di geositi minerari dell’Alta Versilia potrebbe diventare occasione di sviluppo culturale ed economico del futuro.

Per questi motivi sabato 27 agosto 2016 dalle ore 9:30 presso le Scuderie Granducali a Seravezza si terrà la conferenza “I geositi minerari dell’Alta Versilia: passato, presente e futuro”. Per evitare che questa giornata sia un “semplice” resoconto delle peculiarità geologiche e delle attività scientifiche dopo le presentazioni dei relatori si darà spazio alla discussione offrendo la possibilità di mettere seduti ad un tavolo enti pubblici (Comune di Pietrasanta, Comune di Seravezza, Comune di Stazzema, Parco Regionale delle Alpi Apuane), associazioni locali (CAI, Gruppi Speleologici, ecc.) e, ovviamente, i cittadini al fine di apportare proposte per una valorizzazione concreta di questi straordinari geositi.

Scarica la locandina cliccando su read more

Lo studio dei composti organici per ricostruzioni paleoclimatiche e paleoambientali in archivi diversi (sedimenti lacustri e marini, ghiacci, carbonati di grotta) si è oggi affermato come fondamentale complemento dei dati proxy comunementi utilizzati per comprendere l’evoluzione climatica passata. In questo ambito esistono criticità e notevoli potenzialità di sviluppo futuro che rendono queste ricerche di punta all’interno della paleoclimatologia. Il Dipartimento di Scienze ambientali dell’Università di Venezia è leader mondiale nello studio dei composti organici in particolare all’interno di carote di ghiaccio e sedimenti lacustri. Il 6 luglio 2016 alle ore 12,00 in Aula C del Dipartimento di Scienze della Terra il Dr. Dario Battistel, dell’Università di Venezia terrà un seminario dal titolo: “The signals behind the stories. Some considerations from biomarker records in lake and ice cores.

Leggi il riassunto e scarica la locandina cliccando su read more

Il giorno sabato 28 maggio 2016 alle ore 9.00 presso la sala della Misericordia di Seravezza sarà presentata la "Carta Geomorfologica e Neotettonica delle Alpi Apuane".

Tutti gli interessati sono invitati a partecipare.

La carta è stata realizzata nell'ambito di una collaborazione tra il Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Pisa e il Dipartimento di Scienze fisiche, della Terra e dell’ambiente dell'Università di Siena per conto del Parco delle Alpi Apuane.

Le due tavole della "Carta Geomorfologica e Neotettonica delle Alpi Apuane" e relativo articolo sono pubblicate sulla rivista Geografia Fisica e Dinamica Quaternaria e sono liberamente scaricabili al link http://gfdq.glaciologia.it/038_2_08_2015

Scarica la locandina dell’evento cliccando su read more

Gli impatti cosmici furono un processo geologico dominante agli albori del Sistema Solare. Dopo una prima gigantesca collisione della proto-Terra che avrebbe portato alla formazione della Luna, sia la Terra che la Luna subirono un intenso bombardamento tra i 4.5 e i 3.9 miliardi di anni fa. Per quanto rara e ambigua sia la testimonianza registrata nelle pochissime rocce e minerali della Terra che si formarono in quel periodo, studi recenti sostengono che gli impatti cosmici abbiano avuto un ruolo rilevante nell'innesco della evoluzione geologica del nostro pianeta, con la formazione della litosfera, idrosfera e atmosfera.

Lunedi 13 giugno, alle ore 14, presso la Aula C del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Pisa, Simone Marchi, Senior Research Scientist presso il Solar System Exploration Research Virtual Institute, Southwest Research Institute, Boulder, CO, USA, terrà un seminario intitolato "Proto-Earth: Widespread mixing and burial of Earth’s Hadean crust by asteroid impacts", discutendo il ruolo degli impatti sulla storia geologica della superficie della proto-Terra. Il seminario è rivolto a studenti della Laurea Magistrale, dottorandi, ricercatori e docenti.

Scarica la locandina cliccando su read more

Martedì, 17 Maggio 2016 09:03

SEMINARI DEL PROF. DAVID KARATSON

Il 19 maggio il Prof. Dávid Karátson terrà una serie di seminari di geomorfologia del vulcanico e di vulcanologia fisica nell’ambito del programma Erasmus plus.

Dávid Karátson è professore di geografia fisica e geomorfologia alla ELTE University di Budapest, dove è Direttore del Dipartimento di Geografia Fisica e Direttore dell'Istituto di Geografia e delle Scienze della Terra. La sua attività di ricerca include vulcanologia fisica, geomorfologia del vulcanico e stratigrafia del vulcanico dei Carpazi, Italia (Etna, Eolie), Spagna (Canarie), Grecia (Santorini), Francia (Auvergne), Ande Centrali, Giappone, SW Usa. Durante la sua carriera ha ottenuto diversi grants nazionali e internazionali (e.g. Fulbright, Humboldt) e ha partecipato a progetti internazionali in Francia, Germania, Italia e USA. Ha avuto/ha da lungo tempo collaborazioni con ricercatori italiani, sia del DST di Pisa che dell'INGV-Pisa.

Leggi il programma cliccando su read more.

Giovedì 12 maggio 2016 alle ore 14 in aula C del DST avrà luogo la giornata informativa sull'Internazionalizzazione.

Sarà l'occasione per illustrare le opportunità di borse di mobilità per studio e tirocinio all'estero rivolte a studenti, laureandi, dottorandi, allievi Master, post-doc, docenti del DST.

Interverrà la prof.ssa Ann Katherine Isaacs, delegata del Rettore per i Programmi europei, recentemente nominata dal MIUR rappresentante per l’Italia del gruppo di lavoro della Commissione Europea “ET 2020 Working group on the Modernisation of Higher Education” per il biennio 2016-18.

Sono invitati all’evento i docenti, gli studenti e il personale tecnico amministrativo.

Scarica la locandina cliccando su read more.

Martedì, 10 Maggio 2016 12:11

SEMINARIO DI MICHAEL KEMPER

Giovedì 26 maggio alle ore 11:00 presso l'aula C del Dipartimento di Scienze della Terra il Prof. Michael Kemper terrà un seminario dal titolo "INFUSING ROCK PHYSICS INTO SEISMIC INVERSION".

Pisa è una delle poche Università italiane ed internazionali scelta per ospitare il seminario di Michael Kemper designato Honorary Lecturer 2016 dalla Society of Exploration Geophysics

Scarica la locandina del seminario e il CV di Michael Kemper cliccando su read more.

Sabato, 30 Aprile 2016 08:08

SEMINARIO DEL PROF. CASSIANI

Il giorno 5 maggio dalle ore 14:00 alle 16:00 presso l'aula F del Dipartimento di Scienze della Terra si terrà la lecture dal titolo "Geophysical prospecting for geo-environmental applications"  a cura del Prof. Giorgio Cassiani (Dipartimento di Geoscienze-Università degli studi di Padova).

Mercoledì, 27 Aprile 2016 10:50

OPEND DAY DELLA RICERCA

Anche quest’anno l' Ateneo, nell’ambito dell’"Open day della Ricerca", organizza una serie di incontri che coinvolgono alcuni dei nostri più brillanti giovani studiosi nonché personalità di spicco nell’ambito della ricerca scientifica.

L'edizione 2016 dal titolo “La bellezza della Ricerca e la Ricerca della bellezza” si svolgerà il prossimo venerdì 29 Aprile presso l'Aula Magna "Fratelli Pontecorvo" del Polo Fibonacci.

Quest’anno è stato prescelto per un’intervista Cristian Biagioni, ricercatore a tempo determinato presso il Dipartimento di Scienze della terra e vincitore di un progetto SIR.

Lunedì, 11 Aprile 2016 07:13

SEMINARIO DEL DOTT MUGNAIOLI

Nell'arco dell'ultimo secolo, la diffrazione a raggi X ha permesso la determinazione della struttura atomica di centinaia di migliaia di materiali. Ad oggi, una delle più importanti sfide della cristallografia consiste nella caratterizzazione di minerali e fasi sintetiche nanocristalline. La microscopia elettronica a trasmissione (TEM) e la diffrazione elettronica tomografica (EDT) possono fornire dati strutturali tridimensionali da singoli cristalli di poche decine di nanometri, permettendo così la caratterizzazione di componenti minori di miscele polifasiche anche se caratterizzati da lunghi parametri di cella e strutture altamente complesse.

Giovedi 28 aprile p.v., alle ore 14, presso l'aula C del Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa, il dott. Enrico Mugnaioli, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell'Ambiente dell'Università di Siena, terrà un seminario dal titolo "Applicazioni TEM e EDT alle scienze geologiche e dei materiali tecnologici". Il seminario e' rivolto a studenti della Laurea Magistrale, dottorandi, ricercatori e docenti.

Scarica la locandina cliccando su read more

Pagina 1 di 2