Vinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.xVinaora Nivo Slider 3.x
Giovedì, 22 Giugno 2017 13:23

SEMINARIO " FARE RICERCA IN MEDIO ORIENTE"

Giovedi 29 giugno, h 1300, Aula C - il dott. Giantommaso Scarascia, laureato in Scienze Ambientali presso il DST, dottorando presso la King Abdullah University of Science and Technology (KAUST, Arabia Saudita), terrà il seminario: "Fare ricerca in Medio oriente -  Rispondere a problemi industriali con la ricerca per ridurre il peso sull’ambiente: la mia esperienza in Arabia Saudita alla KAUST".

Al termine del seminario, il dott. Scarascia illustrerà le opportunità di studio e ricerca in Arabia Saudita.

 

Un Paese in crescita non può prescindere dal supporto della ricerca scientifica. In Arabia Saudita due delle più importanti attività industriali sono, senza dubbio, quella petrolifera e quella legata alla desalinizzazione di acqua salata per la produzione di acqua potabile. Entrambe queste realtà si sono evolute nel tempo con l’obiettivo di abbattere i costi e ridurre il loro impatto sull’ambiente. Questa evoluzione necessita il supporto della ricerca scientifica per approdare a livelli tecnologici adeguati al mondo in cui viviamo. Due importanti problematiche legate a queste due attività sono la corrosione, dovuta all’attività microbica, delle strutture in ambiente marino, quali torri di raffreddamento e tubature e la bioincrostazione (biofouling in inglese) delle membrane necessarie per desalinizzare acqua salata. La prima è la causa di numerosi disastri ambientali e di ingenti perdite economiche per le industrie petrolifere, mentre il biofouling è un fenomeno comune a tutti i sistemi in cui vengono utilizzate delle membrane per filtrare diversi tipi di acque. Infatti, I microorganismi presenti nell’acqua vengono depositati sulla membrana creando un biofilm che occlude i pori, con la conseguente necessità di aumentare la pressione transmembrana e di sostituire le membrane frequentemente. Per ridurre l’impatto economico di questi fenomeni vengono utilizzati prodotti chimici (cloro o composti di ammonio quaternario) che sono spesso poco efficaci contro la complessa struttura del biofilm e sono nocivi per l’ambiente con cui vengono a contatto. La mia ricerca ha l’obiettivo di analizzare metodi alternativi per risolvere queste problematiche, in modo da ridurre il dosaggio di biocidi, pur mantenendo un’adeguata efficacia contro questi microorganismi.